[Recensione] La mano sinistra di Calvus

L’ex gladiatore Saevius è certo che la Fortuna gli stia sorridendo quando un politico pompeiano lo compra per farne la sua guardia del corpo. Almeno finché il suo nuovo padrone, Calvus Laurea, ordina a Saevius di scoprire con che gladiatore sua moglie stia avendo una sordida relazione. Per riuscirci, Saevius deve tornare nell’arena, ad allenarsi insieme agli uomini che sta spiando. Peggio ancora, adesso è agli ordini di Drusus, un lanista notoriamente crudele… eppure stranamente intrigante.

Ma l’inganno di Saevius è l’ultima delle sue preoccupazioni, e quando scopre la verità sulla relazione, non ha altra scelta che tradire uno dei suoi padroni: uno dei quali ha imparato a temere, e uno dei quali ha imparato a rispettare. Ed entrambi potrebbero farlo uccidere senza alcuna ripercussione.

Questo romanzo è stato precedentemente pubblicato con il nome di penna L.A. Witt, ed è stato leggermente modificato.

mano sinistra di calvus recensione controlettureRomanzo storico sui gladiatori pompeiani, vincitore della categoria trans dei Rainbow Award nel 2013, una categoria che mi sta molto a cuore.

La narrazione in prima persona rende la storia credibile e vivida. Seguiremo le vicende di Saevius e del crudele lanista Drusus, con loro cammineremo dentro sontuosi castelli, ci alleneremo nell’arena e proveremo sulla nostra bella il vero significato del dolore e del tradimento.

In un’ambientazione ricca di particolari, con scorci evocativi e vividi, l’indagine di Saevius porterà in superficie segreti inconfessabili.

Lo stile risulta pulito e scorrevole, le pagine scivolano via anche grazie alla solidità della trama, per niente piatta. Gli indizi sono seminati tra le pagine in modo da sorprendere il lettore e numerosi sono i colpi di scena, così inaspettati da stravolgere l’idea iniziale.

E nell’arena, tra la sabbia impastata al sangue, germoglia un amore. Un amore non fisico, passionale, ma rispettoso e aggiungerei quasi platonico. Un amore che non si piega e non esige. Un amore forte come i muscoli del gladiatore e al contempo delicato come la pelle di una giovane donna.

Questo è “La mano sinistra di Calvus”. Ed è molto di più di un romanzo storico, molto di più di una storia d’amore. È un insegnamento a guardare oltre e a non fermarci davanti alla apparenze; e un consiglio a non arrendesi mai e a non giudicare.

Una piccola perla, insomma, che genera emozioni forti e che non è facile da dimenticare.

Alla prossima.

Sil.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...